Premio Anassilaos 2019 “Pitagora” al prof. Gianfranco Bertone

Premio Anassilaos Arte Cultura Economia e Scienze 2019

31^ Edizione

Sabato 17 agosto alle ore 19,00, nell’ambito delle manifestazioni “Autore in vetrina” promosse dalla Libreria Nuova Ave e  in occasione della presentazione del volume “Sospesi tra due infiniti. Una nuova astronomia per conoscere l’Universo” di Gianfranco Bertone (foto1, foto2, foto3, foto4, foto5), allo studioso reggino è stato conferito  il Premio Anassilaos 2019 “Pitagora” che inaugura così  la 31^ edizione della rassegna che si concluderà poi venerdì 8 novembre presso l’Auditorium Calipari del Consiglio Regionale.

Nella lunga storia dei premi Anassilaos numerosi sono stati i riconoscimenti conferiti a fisici, astrofisici e astronomi, tra i quali, solo per fare qualche nome, Margherita Hack e Paolo Maffei,  Patrizia Caraveo, Direttore dell’Istituto di Astrofisica Spaziale e  Lucia Votano, Direttore, fino al 2012, dei Laboratori Nazionali del Gran Sasso e Dirigente di Ricerca Istituto Nazionale di Fisica Nucleare Nazionali di Frascati. Professore presso l’Istituto “for Theoretical Physics” dell’Università di Amsterdam il prof. Gianfranco Bertone coordina il GRAPPA, Centro di eccellenza in Gravitazione e Fisica astroparticellare dell”Università di Amsterdam. Alla sua attività di ricerca e insegnamento egli unisce un impegno non comune verso la divulgazione scientifica – e il volume sopra citato ne è una dimostrazione – nella consapevolezza che la ricerca scientifica – e soprattutto  i suoi risultati – anche quella che appare più ardua ai non addetti ai lavori e in apparenza  lontana dall’interesse della gente comune debba, per così dire, essere partecipata e condivisa con l’opinione pubblica affinché si eviti il proliferare, soprattutto sul web, di fake news  e lo scienziato stesso non sia una sorta di “dottor Stranamore” ma un uomo inserito nella sua comunità. Per tale ragione lo studioso, che ha tenuto conferenze in Europa e in Italia (dalla Royal Institution di Londra al Collège de France di Parigi fino alla Scuola Normale di Pisa)  non si sottrae all’incontro e alla curiosità scientifica dei non esperti.

I commenti sono chiusi