Arte figurativa


Mintom (Tommaso Minniti)

L’impegno dell’Associazione Culturale Anassilaos nella promozione dell’Arte Figurativa (pittura, scultura, fotografia, architettura e design) e nell’approfondimento di tematiche relative all’arte, è stato sempre molto intenso grazie anche alla Sezione Arti Figurative della Associazione, oggi intitolata all’artista reggino Mintom (Tommaso Minniti), di cui è responsabile la prof.ssa Gloria Oliveti, alla Sezione Fotografia, di cui è responsabile il Dr. Antonio Sollazzo, alla Sezione Architettura di cui è responsabile l’Arch. Salvatore Scaramozzino e alla Sezione Design di cui è responsabile Claudio Sergi.

Gloria Oliveti

Tale impegno si è concretizzato nel tempo attraverso l’organizzazione di incontri e convegni dedicati ad artisti, architetti, fotografi e designer italiani ed europei con una attenzione particolare rivolta a pittori e scultori calabresi e a momenti artistici particolarmente significativi.

Grande attenzione l’Associazione ha prestato all’analisi dell’opera d’arte presente sul territorio nel tentativo di far conoscere, soprattutto alle più giovani generazioni, chiese, edifici civili, monumenti per lo più trascurati e sconosciuti.

 

Antonio Sollazzo

Claudio Sergi

Salvatore Scaramozzino

Significative, a questo proposito, le manifestazioni realizzate nel 2002 e dedicate a Enzo Benedetto, Francesco Jerace, Paolo Orsi, Alfonso Frangipane e Alfonso de Franciscis e nel luglio 2002 il Convegno sul tema “La rivoluzione futurista”. Non a caso dunque l’Anassilaos ha indirizzato la propria attività anche verso le scuole promuovendo, nell’ambito delle scuole medie, d’intesa con gli in­segnanti di disegno e d’arte, un concorso di pittura, grafica e fotografia a tema per gli allievi degli Istituti di Istruzione secondaria di I grado, intitolato a Danila Pizzimenti e Roberta Rocca, due giovanissime prematuramente scomparse, giunto alla sua 24ª edizione.

Nel complesso settore dell’organizzazione di Mostre d’Arte l’Associazione esordisce ne1 1991 con la Mostra “Incontro con la Pittura Reggina” cui aderiscono alcuni significativi artisti di Reggio; nel marzo del 1994 segue la Mostra sul tema “Situazione Reggio”; nel marzo del 1995, nell’ambito delle celebrazioni per l’Otto Marzo, Festa della Donna, cui da allora in poi l’Associazione dedica una serie di incontri, uno dei quali riservato alle donne nella pittura e nella scultura, viene allestita una Mostra, tutta di artiste, sul tema “Il Filo d’Arianna”, mostra “al femminile” che viene ripetuta nel marzo 1998 sul tema Anassilaos Arte Donna 98.

Nel giugno del 1995 l’Associazione organizza a Reggio la Mostra “Rivelazioni“, sempre al femminile, che viene esposta nel luglio dello stesso anno presso la Casa della Cultura di Palmi, sede anche di una prestigiosa pinacoteca mentre nell’aprile del 1995, nell’ambito di una collaborazione con l’Associazione greca “Parnassos”, una Mostra viene realizzata ad Atene con la partecipazione delle artiste Eugenia Musolino e Gloria Oliveti. Si tratta della prima iniziativa europea dell’Anassilaos. L’impegno più importante viene comunque portato a termine nel giugno del 1996 con l’organizzazione del­la Mostra “Omaggio a Corrado Alvaro e Umberto Boccioni” che si svolge a Reggio presso l’Accademia di Belle Arti con il Patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, del Ministero dei Beni Culturali e della Regione Calabria. La Mostra, nel centenario della nascita di Corrado Alvaro, offre alcune delle più significative testimonian­ze dell’arte italiana del Novecento, come si evince dallo splendido catalogo pubblicato per l’occasione.

Ad essa fa seguito nel dicembre del 1997, nell’ambito del progetto Nostos, organizzato in collaborazione con la prof. Mariangela Ielo, la Mostra di Pittura Scultura e Fotografia realizzata dall’Anassilaos, con il Patrocinio dell’Università Nazionale e Capodistriaca di Atene, presso il Museo della stessa Università. Alla Mostra aderiscono numerosi artisti calabresi e siciliani. Nell’aprile-maggio 1998 (dal 24 aprile al 2 maggio) l’Associazione organizza presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio una Mostra dedicata all’artista vibonese Luciano Meddis, omaggio ad un giovane pittore calabrese prematuramente scomparso.

Dal 9 al 23 maggio dello stesso anno, a Vibo Valentia, in collaborazione con l’Istituto “D. Colao”, viene organizzata la Mostra “Artisti a confronto”, patrocinata dal Consiglio Regionale della Calabria, dall’Assessorato Regionale alla Cultura, dalle Amministrazioni Provinciali e Comunali di Reggio e Vibo, cui partecipano artisti reggini, siciliani e vibonesi. Nel mese di novembre dello stesso anno a Crotone, presso la Sala Convegni del Comune –Bastione Toledo – con il Patrocinio dello stesso Comune di Crotone, Assessorato ai Beni Culturali- l’Associazione organizza la Mostra “Itinerario della memoria” con la partecipazione di artisti reggini, della Locride, di Crotone. Entrambe le Mostre, quella di Vibo e quella di Crotone, sono inserite nell’ambito delle iniziative che anticipano e preparano la Biennale d’Arte dello Stretto Giovani la cui prima edizione, con la partecipazione di giovani artisti da ogni parte d’Italia, si tiene a Reggio Calabria nel settembre del 1999.

In occasione dell’Anno Giubilare, nel settembre del 2000, l’Associazione organizza sempre a Reggio una edizione straordinaria della Biennale.

Dal mese di dicembre del 1998 poi, con la personale di pittura di Gloria Oliveti, l’Associazione inaugura presso la propria sede uno spazio espositivo messo a disposizione di artisti giovani e/o giovanissimi.

Nel marzo del 1999 l’Associazione realizza a Reggio, con il Patrocinio del Comune, una Mostra Antologica del Maestro Luigi Malice, tra i più importanti e significativi artisti che il nostro Paese possa oggi vantare. Sempre nello stesso mese di marzo a Vibo Valentia viene invece organizzata una Mostra “al femminile” dedicata a giovani artiste calabresi.

Nel marzo 2002 a Messina presso la Galleria il Gabbiano l’Associazione organizza la personale di Gloria Oliveti sul tema “Donna & natura” presentata anche a Reggio. Nel luglio-agosto 2002 a Reggio, nell’ambito di Reggio Estate 2002, la Mostra sul tema “Il mare di Odisseo”, curata da Maria A. Mamone, con la partecipazione di giovani allievi dell’Accademia di Belle Arti. Nel 2003 a Scilla la Mostra sul tema “I colori dell’acqua”.

Tra le mostre si segnalano quelle sul tema “Sacra Itinera/Percorsi sacri in onore della Madonna della Consolazione” promosse negli ultimi anni presso la Chiesa di San Giorgio al Corso in occasione della festività in onore della Patrona.


A partire dalle prime edizioni del Premio Anassilaos di Arte Cultura e Scienze, giunto nel 2002 alla sua XIV edizione, nell’ambito della Sezione Arti Figurative e Architettura, numerosi gli artisti premiati:

  • nel 1991 Antonio Laganà e Massimo De Leo per la Pittura e Nietta D’Atena per la Scultura;
  • nel 1992 il pittore Renato Amodeo e lo scultore Giuseppe Gattuso;
  • nel 1993 la pittrice, reggina di nascita ma milanese d’adozione, Giovannella Salvadori Ramirez;
  • nel 1994 il pittore Silvio Lo Celso e lo scultore Emilio Caputo (in quello stesso anno al maestro Ugo D’Ambrosi, napoletano di nascita ma reggino d’adozione, tra i protagonisti assoluti dell’informale italiano, viene conferito il Premio Mattia Preti),
  • nel 1995 lo scultore Silvio Amelio e il pittore Giuseppe Cannizzaro;
  • nel 1996 Giuseppe Niglia per la Scultura e Maria Malara per la Pittura;
  • nel 1997 il messinese Vincenzo Rizzo (Pittura) e Francesco Lugarà (Scultura);
  • nel 1998 i siciliani Mimma Sergi (Pittura) e Michele Licata (Scultura) e il reggino Francesco Scialò, autore di complesse installazioni;
  • nel 1999 il pittore Francesco Morello;
  • nel 2000 gli artisti Luigi Malice, Luigi Ghersi, Tina Parisi, Giuseppe Antonello Leone e Luca Monaco (alla memoria) e il grande architetto Gae Aulenti premiata a Roma (Sezione Megale Hellas) nell’ambito delle manifestazioni che l’Anassilaos organizza periodicamente nella Capitale;
  • nel 2001 Antonio Attinà, Nuccio Bolignano, Carlo Filosa, Antonio Giulietti, Maurizio Martino, Beniamino Minnella, Nuccio Schepis e per l’Architettura il maestro reggino Francesco Albanese (alla memoria),
  • nel 2002 lo scultore Giuseppe Correale.

Grande spazio l’Associazione ha riservato alla Fotografia nell’ambito dello stesso Premio Anassilaos. I premiati:

  • nel 1991 Carlo Mangiola,
  • nel 1992 Ninni De Salvo,
  • nel 1993 Giovanni Andreoni,
  • nel 1994 Edmondo Infantino,
  • nel 1998 Giuseppe Fichera,
  • nel 1999 Giulio Conti,
  • nel 2000 Leo Fiumara,
  • nel 2001 Mimmo Irrera.

Alla fotografia sono stati dedicati concorsi nazionali – nel 1998 “Eikon”, cui hanno aderito i maggiori e più importanti maestri della fotografia italiana -, e mostre internazionali.

  • Nel 2000 la rassegna di Antonio Sollazzo ad Atene, presso il Museo della Città di Atene, sul tema “Paesaggi, borghi grecanici, antichi paesi”;
  • la seconda, sempre di Antonio Sollazzo, a Berlino sul tema “Il mare di Odisseo”.
  • Nel 2002, presso il Museo Nazionale della Magna Grecia di Reggio il Sodalizio ha promosso la Mostra sul tema “Atene e Reggio/Due città a confronto tra ottocento e Novecento”;
  • nel gennaio 2003 presso l’Istituto Italiano di Cultura di Atene la Mostra sul tema “Reggio, una città magnogreca tra Ottocento e Novecento”;
  • nel marzo 2003 sempre presso il Museo Nazionale di Reggio Calabria la mostra sul tema “La donna, la sposa la madre dall’età antica all’età moderna”.

Sempre nel campo della fotografia di particolare rilievo le personali di maestri della fotografia (nel marzo 2001, in occasione della Festa della Donna, la mostra del maestro Mimmo Irrera sul tema “Beltà e Vanità” e nel 2002 la Mostra di Enzo Leanza sui riti della Settimana Santa in Sicilia) o di giovani esordienti (nel dicembre 2001 la mostra della giovane Barbara Catanoso sul tema “Sacro e Profano”).

Si ricordano anche le numerose mostre del fotoreporter Rosario Cananzi, dedicate a Madre Teresa di Calcutta e al suo viaggio a Reggio Calabria, alla flora e alla fauna “Visti da vicino”, al paesaggio del reggino “La costa e la città di Reggio Calabria nella prospettiva del navigante” fino alla più recente “Reggio e Messina/Imagines urbium” svoltasi dal 29 giugno al 4 di luglio 2015 presso la Sala Federica Monteleone del Consiglio Regionale della Calabria, che offre uno nuovo sguardo sullo Stretto con una panoramica sulla costa sicula dall’Etna allo Stromboli e, sul versante calabro con una serie di vedute di Gallico, Catona, Arghillà, Villa San Giovanni, Campo Calabro, Ortì… fino alle pendici dell’Aspromonte, che si sono svolte presso Palazzo Alvaro, sede della Città Metropolitana; presso la Chiesa di San Giorgio al Corso, presso Palazzo Campanella, sede del Consiglio Regionale della Calabria e nello spazio espositivo di Poste Italiane in via Miraglia.

Nel 2017 il sodalizio ha promosso la mostra fotografica di Marco Costantino sul tema “Misericordia motus est” dedicata ai migranti che sono approdati nel porto di Reggio Calabria nel corso dell’anno 2017. La rassegna, esposta prima presso la Sala della Biblioteca Comunale “Pietro De Nava” è poi approdata alla Chiesa di San Giorgio/Tempio della Vittoria nella quale ha fatto da cornice ideale alla cerimonia di consegna del Premio Anassilaos per la Pace a Mons. Santo Marcianò, Arcivescovo dell’Ordinariato Militare d’Italia. Un impegno questo reso possibile dalla collaborazione di studiosi, amici e 3 artisti che sono stati prodighi di consigli e suggerimenti e che hanno messo a disposizione dell’Associazione le loro esperienze: da Maria Antonietta Mamone, Docente di Storia dell’Arte presso l’Accademia di Belle Arti a Maria Festa, Presidente d’Onore dell’Associazione, da Pina Porchi, recentemente scomparsa e testimone di gran parte della storia dell’arte calabrese e reggina a Luigi Tallarico, autore di molti e significativi volumi dedicati all’arte contemporanea; dal giovane artista Alessandro Allegra fino alla Prof.ssa Elvira Leuzzi Calveri, già docente presso l’Accademia di Belle Arti di Reggio Calabria e studiosa d’arte, che ha accompagnato nel corso degli ultimi anni e continua ad accompagnare le iniziative dedicate alla storia dell’arte figurativa.

Commenti chiusi